Todoist si aggiorna a iOS 8

Per chi è digiuno di GTD e organizzazione del lavoro, Todoist è un ottimo punto di partenza perché già nella versione base (gratuita) mette a disposizione un servizio completo.

Essenzialmente si tratta di un tool per il task management o semplicemente la to-do list, multipiattaforma, e che consente di aggiungere due date e priorità a ogni singolo task creato. Todoist consente inoltre di organizzare i propri progetti in sotto-progetti semplicemente indentandoli. È anche possibile condividere i progetti con altre persone e assegnare compiti a ognuno dei membri del team.

Negli scorsi giorni ho testato la nuova versione dell'app per iOS che esce oggi sull'App Store, ottimizzata per iOS 8 e iPhone 6.

Oltre a un look leggermente ritoccato, la nuova app offre un’estensione per Safari che permette di creare task con testo e immagini caricati direttamente nelle note. Le notifiche push ora supportano l'interazione e possono essere completate e rimandate senza bisogno di accedere all'app. Puoi anche rispondere a un commento in un'attività condivisa. C'è anche, ma questo già dal precedente aggiornamento, un widget per vedere i task da completare oggi, cosa che può tornare molto utile per avere uno sguardo sulle proprie attività e che consente anche di creare direttamente una nuova azione nell'app.

Sfortunatamente gli amici di Todoist non sono ancora riusciti a implementare correttametne il caching su Mac. Se infatti sull’iPhone e sull’iPad è sufficiente aver usato una volta l’app per ritrovare tutti i tuoi task aggiornati quando la apri, sul Mac invece l’app è utilizzabile offline solo se l’hai aperta quando eri connesso a Internet prima di aver spento il computer. Significa che se non hai accesso alla rete resti menomato.

Io utilizzo Omnifocus per tutte le mie attività personali, ma sto valutando di adottare Todoist per la gestione dei compiti di un team con cui ho iniziato a lavorare di recente. Se non l’hai mai usato, una prova la merita di sicuro.


Questo blog è indipendente e supportato dai suoi lettori. Se vuoi sostenerlo condivi il post, iscriviti alla newsletter (gratuita) e magari fai un acquisto su Amazon partendo da qui (a te non costa nulla).